Convivere senza cambiare residenza

convivere senza cambiare residenza

Convivere senza avere la residenza nella casa in cui si è domiciliati è possibile! Come te, anche io mi sono chiesta se avessi dovuto cambiare residenza quando ho deciso di andare a vivere insieme al mio ragazzo e la risposta è che no, non è necessario. Ma partiamo dalle basi, per poi vedere le diverse casistiche e rispondere a tutte le domande che potresti porti, e quali sono i vantaggi e gli svantaggi della scelta di non cambiare residenza.

Residenza e domicilio: differenze

La residenza è il luogo in cui hai dimora abituale, quindi il luogo in cui vivi abitualmente e in cui hai l’indirizzo della tua abitazione principale. Normalmente, in una coppia, entrambe i partner hanno residenza presso la casa dei genitori. Si tratta di una pratica di natura amministrativa, dalla quale dipendono elementi come il Comune in cui puoi votare, il medico di famiglia e il recapito di lettere e comunicazioni statali.
Il domicilio, invece, è il luogo in cui tu stabilisci di avere la sede principale dei tuoi “affari”: se, quindi, decidi di cambiare appartamento e andare a convivere senza cambiare residenza non devi fare nulla per spostare il tuo domicilio.

Nel mio caso, ad esempio, sono sempre stata residente presso l’abitazione della mia famiglia, ed è così ancora oggi. Ho cambiato diversi domicili perché sono state differenti le case e gli appartamenti in cui ho vissuto in affitto.

Ma se vado a convivere devo cambiare residenza?

Viste le definizioni precedenti la risposta è: no, puoi scegliere di essere residente in una casa e domiciliata in un’altra. Ad esempio, se vivi nella stessa città in cui hai la residenza e la casa in cui abiti non è quella in cui resterai in via definitiva perché sei in affitto, puoi esservi domiciliata. Se, invece, vivi a km di distanza dalla tua residenza e hai aperto un mutuo, allora potrebbe essere più vantaggioso spostare la residenza.

Quando si va a convivere entrambi devono cambiare residenza?

Anche in questo caso la risposta è no. Entrambi possono essere domiciliati nell’abitazione di convivenza e residente nella casa della propria famiglia. Oppure solo una delle due persone della coppia può essere residente nella casa in cui si convive, mentre l’altra no.

Spostare la residenza in caso di convivenza conviene?

Definito che non è obbligatorio cambiare la residenza per andare a convivere con il tuo partner, potresti trovarti in una casistica in cui devi valutare pro e contro del cambio residenza. In generale, nel momento in cui ti trasferisci stabilmente in un comune differente da quello in cui hai la residenza ti conviene spostarla. Ecco, infatti, quali sono i vantaggi che potrai trarre e, di conseguenza, gli svantaggi di non spostare la residenza:
-risparmio sui costi della bolletta dell’energia elettrica: i residenti in una certa città risparmiano anche il 30% dell’importo totale, questo perché i costi non si basano soltanto sul consumo, ma anche sulla tipologia di utenza
tasse e imposte sono più alte, in genere, per i non residenti
medico di base nella stessa città di residenza, che non puoi avere in caso di domicilio. Se, però, cambi casa senza spostare la residenza puoi avere un medico temporaneo di 1 anno nella tua città di domicilio
-in alcune città e in certi centri storici puoi avere accesso alla zona traffico limitato solo se sei residente

Nella mia personale esperienza, io e il mio compagno, abbiamo deciso di tenere le residenze nelle case dei nostri genitori, che si trovano in due città differenti, ed essere domiciliati in una terza città che è quella in cui viviamo insieme. Questo perché non siamo sicuri che resteremo qui a lungo e ci piacerebbe vivere all’estero per un periodo, quindi finché non ci stabiliremo in una casa in cui vorremo fermarci con sicurezza non cambieremo la residenza. Anche se questo ci costa un po’ di più sulle bollette!

Se ti trovi in una situazione simile alla mia e vuoi fare qualche ragionamento economico prima di decidere se andare a convivere solo con il domicilio ti lascio qualche articolo che potrebbe interessare:
-Come risparmiare realmente in casa?
Lista della spesa per risparmiare: come farla?
Come organizzarsi prima di andare a convivere: dalla casa al trasloco

Lascia un commento